Vesperi - Ambrosiano

Lunedì della  14^  settimana del Tempo Ordinario
settimana della 4^ Domenica dopo Pentecoste

Sant'Antonio Maria Zaccaria, sacerdote

Signore, ascolta la nostra preghiera.
E il nostro grido giunga fino a te.


RITO DELLA LUCE
Sorge un'aurora nuova
sugli amici di Dio.
Rallegratevi, o giusti, nel Signore.

Regni il Signore! Si allieti la terra,
gli angoli più remoti risuonino di canti.
Rallegratevi, o giusti, nel Signore.

Sorge un'aurora nuova
sugli amici di Dio.
Rallegratevi, o giusti, nel Signore.

INNO
Sulle nebbiose strade del mondo
s'irradiò la tua luce;
noi, ammirando il disegno del Padre,
a te leviamo l'inno.

Cristo, pontefice eterno,
che a Dio, con nuovo patto,
degli uomini smarriti nella colpa
riconciliò la stirpe,

della sua grazia che libera e salva
dispensatore ti volle,
e tu l'unica vita tua votasti
all'amore del Padre e dei fratelli.

Ti chiamò con gli apostoli sul monte,
ammirati ti videro i credenti,
con la parola e la vita, maestro,
vittima e sacerdote.

Ora che in cielo con Gesù ti allieti,
ancora attendi alla Chiesa
e tutti guida i devoti discepoli
allo splendore del regno.

Alla divina Trinità beata,
che la fatica dei servi
della sua gioia ineffabile premia,
gloria si canti nei secoli. Amen.

SALMODIA
Salmo 44

Le nozze del Re
A mezzanotte si levò un grido: Ecco lo Sposo, andategli incontro (Mt 25, 6).

I (2-10)

Ant. Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo, *
sulle tue labbra è diffusa la grazia.


Effonde il mio cuore liete parole, +
io canto al re il mio poema. *
La mia lingua è stilo di scriba veloce.

Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo, +
sulle tue labbra è diffusa la grazia, *
ti ha benedetto Dio per sempre.

Cingi, prode, la spada al tuo fianco, +
nello splendore della tua maestà ti arrida la sorte, *
avanza per la verità, la mitezza e la giustizia.

La tua destra ti mostri prodigi: +
le tue frecce acute colpiscono al cuore i tuoi nemici; *
sotto di te cadono i popoli.

Il tuo trono, Dio, dura per sempre; *
è scettro giusto lo scettro del tuo regno.

Ami la giustizia e l'empietà detesti: +
Dio, il tuo Dio ti ha consacrato *
con olio di letizia, a preferenza dei tuoi eguali.

Le tue vesti son tutte mirra, aloè e cassia, *
dai palazzi d'avorio ti allietano le cetre.

Figlie di re stanno tra le tue predilette; *
alla tua destra la regina in ori di Ofir.

Gloria.

Ant. Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo, *
sulle tue labbra è diffusa la grazia.


La regina e la sposa
Vidi la nuova Gerusalemme pronta come una sposa adorna per il suo sposo (Ap 21, 2).

II (11-18)

Ant. Al re è piaciuta la tua bellezza: *
egli è il tuo Signore, prostrati a lui.


Ascolta, figlia, guarda, porgi l'orecchio, *
dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;

al re piacerà la tua bellezza. *
Egli è il tuo Signore: pròstrati a lui.

Da Tiro vengono portando doni, *
i più ricchi del popolo cercano il tuo volto.

La figlia del re è tutta splendore, *
gemme e tessuto d'oro è il suo vestito.

È presentata al re in preziosi ricami; *
con lei le vergini compagne a te sono condotte;

guidate in gioia ed esultanza, *
entrano insieme nel palazzo del re.

Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli; *
li farai capi di tutta la terra.

Farò ricordare il tuo nome *
per tutte le generazioni,

e i popoli ti loderanno *
in eterno, per sempre.

Gloria.

Ant. Al re è piaciuta la tua bellezza: *
egli è il tuo Signore, prostrati a lui.


PRIMA ORAZIONE
Signore Gesù Cristo, che assumendo la nostra carne
hai sponsalmente congiunto l'umanità
alla natura divina,
concedi ai fratelli da te redenti,
che, sull'esempio della vergine Maria,
immagine perfetta e primizia della Chiesa,
custodiscano nella fedeltà la tua parola
e sopportino animosamente l'esilio terreno,
fino al giorno beato
che li chiamerà alle nozze eterne del cielo.
Tu che sei Dio che vivi e regni con il Padre,
nell'unità dello Spirito santo,
per tutti i secoli dei secoli.


CANTICO DELLA BEATA VERGINE
Esultanza dell'anima nel Signore
Sia in ciascuno l'anima di Maria a magnificare il Signore, sia in ciascuno lo spirito di Maria a esultare in Dio (S. Ambrogio).

Ant. Vieni, servo buono e fedele: *
prendi parte alla gioia del tuo padrone.


L'anima mia magnifica il Signore *
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *
e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *
si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *
ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati, *
ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *
ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri, *
ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria.

L’anima mia magnifica il Signore.

Ant. Vieni, servo buono e fedele: *
prendi parte alla gioia del tuo padrone.
Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.


SECONDA ORAZIONE
Concedi al tuo popolo, o Dio,
la sublime scienza di Gesù, tuo Figlio,
che nello spirito dell'apostolo Paolo
illuminò la vita di sant'Antonio Maria Zaccaria
e o rese instancabile predicatore
del vangelo di Cristo,
che vive e regna nei secoli dei secoli.

COMMEMORAZIONE DEL BATTESIMO
Nel battesimo come in Cristo moriamo per rinascere, così anche siamo segnati con lo Spirito, perché possiamo ottenerne lo splendore, l'immagine e la grazia (S. Ambrogio).

Agli occhi spenti dell'anima
è brillata la luce
della verità e della grazia.
Il Verbo del Padre è apparso
ed è la luce vera.

Dell'uomo incredulo e solo
Cristo ha squarciato la notte
e lo ha reso assetato della gloria di Dio.
Il Verbo del Padre è apparso
ed è la luce vera.

ORAZIONE
O Dio, che innalzi la natura dell'uomo
oltre la dignità originaria,
guarda la Chiesa,
ineffabile sacramento del tuo amore;
tu che ci ricrei
nell'acqua rinnovatrice del battesimo,
serbaci nella tua benedizione e nella tua grazia.
Per Cristo nostro Signore.

INTERCESSIONI
Riconoscenti verso il Padre, che mediante il ministero dei sacerdoti conserva e accresce la fede nella sua Chiesa, devotamente diciamo:
Pastore eterno, ascoltaci.

Aiuta i ministri della Chiesa a ricercare quelli che si sono allontanati da te,
- perché gli erranti possano ritornare sulla strada della vita.

Tu che ci hai inviato dei santi pastori, perché la nostra carità potesse ravvivarsi,
- sii vicino a coloro che nella comunità cristiana esercitano il servizio dell'autorità.

Tu che hai chiamato a verità i popoli per l'opera degli apostoli del tuo Figlio,
- dona slancio e tenacia ai missionari, perché portino in tutto il mondo la luce del vangelo.

Sostieni con il vigore dello Spirito il nostro vescovo e i suoi collaboratori,
- perché siano una cosa sola e siano accolti come mandati da te.

Tu che apri le porte del regno a chi è stato fedele alla missione a lui affidata,
- introduci nella tua pace i vescovi e i presbiteri defunti.

Sull'esempio dei santi pastori,
sorretti dalla fede osiamo dire:

Padre nostro.

CONCLUSIONE
Il Signore ci benedica e ci custodisca.
Amen.

Oppure:

La santa Trinità ci salvi e ci benedica.
Amen.

Signore, ascolta la nostra preghiera.
E il nostro grido giunga fino a te.


RITO DELLA LUCE
Sorge un'aurora nuova
sugli amici di Dio.
Rallegratevi, o giusti, nel Signore.

Regni il Signore! Si allieti la terra,
gli angoli più remoti risuonino di canti.
Rallegratevi, o giusti, nel Signore.

Sorge un'aurora nuova
sugli amici di Dio.
Rallegratevi, o giusti, nel Signore.

INNO
Sulle nebbiose strade del mondo
s'irradiò la tua luce;
noi, ammirando il disegno del Padre,
a te leviamo l'inno.

Cristo, pontefice eterno,
che a Dio, con nuovo patto,
degli uomini smarriti nella colpa
riconciliò la stirpe,

della sua grazia che libera e salva
dispensatore ti volle,
e tu l'unica vita tua votasti
all'amore del Padre e dei fratelli.

Ti chiamò con gli apostoli sul monte,
ammirati ti videro i credenti,
con la parola e la vita, maestro,
vittima e sacerdote.

Ora che in cielo con Gesù ti allieti,
ancora attendi alla Chiesa
e tutti guida i devoti discepoli
allo splendore del regno.

Alla divina Trinità beata,
che la fatica dei servi
della sua gioia ineffabile premia,
gloria si canti nei secoli. Amen.

SALMODIA
Salmo 44

Le nozze del Re
A mezzanotte si levò un grido: Ecco lo Sposo, andategli incontro (Mt 25, 6).

I (2-10)

Ant. Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo, *
sulle tue labbra è diffusa la grazia.


Effonde il mio cuore liete parole, +
io canto al re il mio poema. *
La mia lingua è stilo di scriba veloce.

Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo, +
sulle tue labbra è diffusa la grazia, *
ti ha benedetto Dio per sempre.

Cingi, prode, la spada al tuo fianco, +
nello splendore della tua maestà ti arrida la sorte, *
avanza per la verità, la mitezza e la giustizia.

La tua destra ti mostri prodigi: +
le tue frecce acute colpiscono al cuore i tuoi nemici; *
sotto di te cadono i popoli.

Il tuo trono, Dio, dura per sempre; *
è scettro giusto lo scettro del tuo regno.

Ami la giustizia e l'empietà detesti: +
Dio, il tuo Dio ti ha consacrato *
con olio di letizia, a preferenza dei tuoi eguali.

Le tue vesti son tutte mirra, aloè e cassia, *
dai palazzi d'avorio ti allietano le cetre.

Figlie di re stanno tra le tue predilette; *
alla tua destra la regina in ori di Ofir.

Gloria.

Ant. Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo, *
sulle tue labbra è diffusa la grazia.


La regina e la sposa
Vidi la nuova Gerusalemme pronta come una sposa adorna per il suo sposo (Ap 21, 2).

II (11-18)

Ant. Al re è piaciuta la tua bellezza: *
egli è il tuo Signore, prostrati a lui.


Ascolta, figlia, guarda, porgi l'orecchio, *
dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;

al re piacerà la tua bellezza. *
Egli è il tuo Signore: pròstrati a lui.

Da Tiro vengono portando doni, *
i più ricchi del popolo cercano il tuo volto.

La figlia del re è tutta splendore, *
gemme e tessuto d'oro è il suo vestito.

È presentata al re in preziosi ricami; *
con lei le vergini compagne a te sono condotte;

guidate in gioia ed esultanza, *
entrano insieme nel palazzo del re.

Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli; *
li farai capi di tutta la terra.

Farò ricordare il tuo nome *
per tutte le generazioni,

e i popoli ti loderanno *
in eterno, per sempre.

Gloria.

Ant. Al re è piaciuta la tua bellezza: *
egli è il tuo Signore, prostrati a lui.


PRIMA ORAZIONE
Signore Gesù Cristo, che assumendo la nostra carne
hai sponsalmente congiunto l'umanità
alla natura divina,
concedi ai fratelli da te redenti,
che, sull'esempio della vergine Maria,
immagine perfetta e primizia della Chiesa,
custodiscano nella fedeltà la tua parola
e sopportino animosamente l'esilio terreno,
fino al giorno beato
che li chiamerà alle nozze eterne del cielo.
Tu che sei Dio che vivi e regni con il Padre,
nell'unità dello Spirito santo,
per tutti i secoli dei secoli.


CANTICO DELLA BEATA VERGINE
Esultanza dell'anima nel Signore
Sia in ciascuno l'anima di Maria a magnificare il Signore, sia in ciascuno lo spirito di Maria a esultare in Dio (S. Ambrogio).

Ant. Vieni, servo buono e fedele: *
prendi parte alla gioia del tuo padrone.


L'anima mia magnifica il Signore *
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *
e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *
si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *
ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati, *
ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *
ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri, *
ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria.

L’anima mia magnifica il Signore.

Ant. Vieni, servo buono e fedele: *
prendi parte alla gioia del tuo padrone.
Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.


SECONDA ORAZIONE
Concedi al tuo popolo, o Dio,
la sublime scienza di Gesù, tuo Figlio,
che nello spirito dell'apostolo Paolo
illuminò la vita di sant'Antonio Maria Zaccaria
e o rese instancabile predicatore
del vangelo di Cristo,
che vive e regna nei secoli dei secoli.

COMMEMORAZIONE DEL BATTESIMO
Nel battesimo come in Cristo moriamo per rinascere, così anche siamo segnati con lo Spirito, perché possiamo ottenerne lo splendore, l'immagine e la grazia (S. Ambrogio).

Agli occhi spenti dell'anima
è brillata la luce
della verità e della grazia.
Il Verbo del Padre è apparso
ed è la luce vera.

Dell'uomo incredulo e solo
Cristo ha squarciato la notte
e lo ha reso assetato della gloria di Dio.
Il Verbo del Padre è apparso
ed è la luce vera.

ORAZIONE
O Dio, che innalzi la natura dell'uomo
oltre la dignità originaria,
guarda la Chiesa,
ineffabile sacramento del tuo amore;
tu che ci ricrei
nell'acqua rinnovatrice del battesimo,
serbaci nella tua benedizione e nella tua grazia.
Per Cristo nostro Signore.

INTERCESSIONI
Riconoscenti verso il Padre, che mediante il ministero dei sacerdoti conserva e accresce la fede nella sua Chiesa, devotamente diciamo:
Pastore eterno, ascoltaci.

Aiuta i ministri della Chiesa a ricercare quelli che si sono allontanati da te,
- perché gli erranti possano ritornare sulla strada della vita.

Tu che ci hai inviato dei santi pastori, perché la nostra carità potesse ravvivarsi,
- sii vicino a coloro che nella comunità cristiana esercitano il servizio dell'autorità.

Tu che hai chiamato a verità i popoli per l'opera degli apostoli del tuo Figlio,
- dona slancio e tenacia ai missionari, perché portino in tutto il mondo la luce del vangelo.

Sostieni con il vigore dello Spirito il nostro vescovo e i suoi collaboratori,
- perché siano una cosa sola e siano accolti come mandati da te.

Tu che apri le porte del regno a chi è stato fedele alla missione a lui affidata,
- introduci nella tua pace i vescovi e i presbiteri defunti.

Sull'esempio dei santi pastori,
sorretti dalla fede osiamo dire:

Padre nostro.

CONCLUSIONE
Il Signore ci benedica e ci custodisca.
Amen.

Oppure:

La santa Trinità ci salvi e ci benedica.
Amen.