Ufficio delle letture - Ambrosiano

Giovedì della settimana della  Dedicazione
29^ settimana del Tempo Ordinario

autunno 005.jpg

O Dio, vieni a salvarmi.
Signore, vieni presto in mio aiuto.


Gloria. Alleluia.

INNO

I         Quando l’Ufficio delle letture si dice nelle ore notturne o nelle prime ore del mattino:

Vita di tutti, Cristo Redentore,
o Giudice tremendo, unico Re,
odi pietoso la supplica e accogli
benignamente il canto.

Grata la lode nella notte ascenda
a te, divina Luce,
e l’eco dell’eterna melodia
consoli e allieti i cuori.

Di gioiosa innocenza adorna i giorni,
pensieri ispira di vita immortale,
in ogni azione nostra
sfavilli la tua gloria.

A te, suprema fonte dell’essere,
o Trinità beata,
la Chiesa dei redenti
leva felice l’inno nei secoli. Amen.

II         Quando l’Ufficio delle letture si dice nelle ore del giorno:

Dio disse: «Le acque brulichino di esseri viventi e uccelli volino sopra la terra»
(Gn 1, 20).

Al quinto giorno tutto ciò che vive
hai tratto, o Dio, dalle acque primordiali:
guizzano i pesci nel mare,
gli uccelli si rincorrono nell’aria.

Nati nell’onda del santo lavacro,
rigeneràti dal sangue di Cristo,
serbaci liberi e puri
nella preziosa vita della grazia.

Non ci avvilisca la colpa
né la superba innocenza ci illuda,
il cuore nell’orgoglio non si esalti
né si deprima per le sue cadute.

Così ti implora il tuo popolo, o Padre,
per Cristo Redentore
che nello Spirito santo
regna con te nei secoli. Amen.

CANTICO DEI TRE GIOVANI
Cfr. Dn 3, 52-56
Ogni creatura lodi il Signore
Il Creatore è benedetto nei secoli (Rm 1, 25).

Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto il tuo nome glorioso e santo, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu nel tuo tempio santo glorioso, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu sul trono del tuo regno, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo gli abissi †
e siedi sui cherubini, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu nel firmamento del cielo, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Gloria.

SALMODIA
Salmo 17, 31-51
Ringraziamento a Dio salvatore
Se Dio è con noi, chi sarà contro di noi (Rm 8, 31).

IV (31-35)

Ant. Chi è Dio, se non il Signore? *
O chi è rupe, se non il nostro Dio?


La via di Dio è diritta, †
la parola del Signore è provata al fuoco; *
egli è scudo per chi in lui si rifugia.

Infatti, chi è Dio, se non il Signore? *
O chi è rupe, se non il nostro Dio?

Il Dio che mi ha cinto di vigore *
e ha reso integro il mio cammino;

mi ha dato agilità come di cerve, *
sulle alture mi ha fatto stare saldo;

ha addestrato le mie mani alla battaglia, *
le mie braccia a tender l’arco di bronzo.

Gloria.

Ant. Chi è Dio, se non il Signore? *
O chi è rupe, se non il nostro Dio?

V (36-46)

Ant. La tua destra, o Signore, mi ha sostenuto, *
e la tua bontà mi ha fatto crescere.


Tu mi hai dato il tuo scudo di salvezza, †
la tua destra mi ha sostenuto, *
la tua bontà mi ha fatto crescere.

Hai spianato la via ai miei passi, *
i miei piedi non hanno vacillato.

Ho inseguito i miei nemici e li ho raggiunti, *
non sono tornato senza averli annientati.

Li ho colpiti e non si sono rialzati, *
sono caduti sotto i miei piedi.

Tu mi hai cinto di forza per la guerra, *
hai piegato sotto di me gli avversari.

Dei nemici mi hai mostrato le spalle, *
hai disperso quanti mi odiavano.

Hanno gridato e nessuno li ha salvati, *
al Signore, ma non ha risposto.

Come polvere al vento li ho dispersi, *
calpestati come fango delle strade.

Mi hai scampato dal popolo in rivolta, *
mi hai posto a capo delle nazioni.

Un popolo che non conoscevo mi ha servito; *
all’udirmi, subito mi obbedivano,

stranieri cercavano il mio favore, †
impallidivano uomini stranieri *
e uscivano tremanti dai loro nascondigli.

Gloria.

Ant. La tua destra, o Signore, mi ha sostenuto, *
e la tua bontà mi ha fatto crescere.


VI (47-51)

Ant. O Signore, fammi trionfare dei miei avversari *
e liberami dall’uomo violento.


Viva il Signore e benedetta la mia rupe, *
sia esaltato il Dio della mia salvezza.

Dio, tu mi accordi la rivincita +
e sottometti i popoli al mio giogo, *
mi scampi dai miei nemici furenti,

dei miei avversari mi fai trionfare *
e mi liberi dall’uomo violento.

Per questo, Signore, ti loderò tra i popoli *
e canterò inni di gioia al tuo nome.

Egli concede al suo re grandi vittorie, †
si mostra fedele al suo consacrato, *
a Davide e alla sua discendenza per sempre.

Gloria.

Ant. O Signore, fammi trionfare dei miei avversari *
e liberami dall’uomo violento.

Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.

Tu sei benedetto, Signore.
Amen.

Benedicimi, Padre.
Per Cristo, che è via e verità, la divina Maestà ci benedica.
Amen.

PRIMA LETTURA
Dal libro del profeta Abacuc
Ab 2, 5-20

Maledizioni contro gli oppressori

La ricchezza rende malvagi;
il superbo non sussisterà;
spalanca come gli inferi le sue fauci
e, come la morte, non si sazia,
attira a sé tutti i popoli,
raduna per sé tutte le genti.
Forse che tutti non lo canzoneranno,
non faranno motteggi per lui?
Diranno:
Guai a chi accumula ciò che non è suo,
– e fino a quando? –
e si carica di pegni!
Forse che non sorgeranno a un tratto i tuoi creditori,
non si sveglieranno i tuoi esattori
e tu diverrai loro preda?
Poiché tu hai spogliato molte genti,
gli altri popoli spoglieranno te,
a causa del sangue umano versato,
della violenza fatta alla regione,
alla città e ai suoi abitanti.
Guai a chi è avido di lucro, sventura per la sua casa,
per mettere il nido in luogo alto,
e sfuggire alla stretta della sventura.
Hai decretato il disonore alla tua casa;
hai soppresso popoli numerosi,
hai fatto del male contro te stesso.
La pietra infatti griderà dalla parete
e dal tavolato risponderà la trave.
Guai a chi costruisce una città sul sangue
e fonda un castello sull'iniquità.
Non è forse volere del Signore degli eserciti
che i popoli fatichino per il fuoco
e le nazioni si stanchino per un nulla?
Poiché, come le acque colmano il mare,
così la terra dovrà riempirsi
di conoscenza della gloria del Signore.
Guai a chi fa bere i suoi vicini
versando veleno per ubriacarli
e scoprire le loro nudità.
Ti sei saziato di vergogna, non di gloria.
Bevi, e ti colga il capogiro.
Si riverserà su di te il calice della destra del Signore
e la vergogna sopra il tuo onore,
poiché lo scempio fatto al Libano ricadrà su di te
e il massacro degli animali ti colmerà di spavento,
a causa del sangue umano versato,
della violenza fatta alla regione,
alla città e a tutti i suoi abitanti.
A che giova un idolo
perché l'artista si dia pena di scolpirlo?
O una statua fusa o un oracolo falso,
perché l'artista confidi in essi,
scolpendo idoli muti?
Guai a chi dice al legno: «Svegliati»,
e alla pietra muta: «Alzati».
Ecco, è ricoperta d'oro e d'argento
ma dentro non c'è soffio vitale.
Il Signore risiede nel suo santo tempio.
Taccia, davanti a lui, tutta la terra!

RESPONSORIO
Al tuo nome, Signore, da' gloria.
Perché i popoli dovrebbero dire:
«Dov'è il loro Dio?».
Il Signore risiede nel suo santo tempio,
taccia davanti a lui tutta la terra.

Gli idoli delle genti sono argento e oro,
opera delle mani dell'uomo.
Il Signore risiede nel suo santo tempio,
taccia davanti a lui tutta la terra.

Benedicimi, Padre.
La grazia dello Spirito santo illumini i nostri sensi e il nostro cuore.
Amen.

SECONDA LETTURA
Dal trattato su «L’amore di Dio» di san Bernardo, abate
33

La sobria ebbrezza del regno di Dio

È la Sapienza che celebra questo triplice convito imbandendolo con l'unica carità: è la stessa carità che nutre quelli che lavorano, che disseta quelli che riposano, che inebria quelli che regnano. E come in un convito umano vengono serviti prima i cibi e poi le bevande, perché tale ordine richiede la natura, lo stesso avviene qui. Da principio, prima della morte, nel corpo mortale, mangiamo quello che produciamo con il lavoro delle nostre mani, masticando con fatica ciò che dobbiamo deglutire. Dopo la morte, nella vita dello spirito, già cominciamo a bere, sorseggiando con una soavissima facilità quanto è ricevuto. Infine, quando anche i corpi saranno risuscitati nella vita immortale, siamo inebriati traboccando di una meravigliosa pienezza.
Ecco il senso delle parole dello sposo nella Cantica: «Mangiate, amici, e bevete, e inebriatevi, carissimi» (Ct 5, 1). Mangiate prima della morte, bevete dopo la morte, inebriatevi dopo la risurrezione. A ragione sono qui chiamati carissimi quelli che s'inebriano di carità; a ragione sono inebriati quelli che meritano d'essere ammessi alle nozze dell'Agnello, a mangiare e a bere alla mensa sua nel suo regno, quando a lui si presenta la Chiesa splendida, senza macchia né ruga, né alcunché di simile. Allora finalmente egli inebrierà quelli che gli sono carissimi, allora li disseterà col torrente delle sue delizie, perché sicuramente a quell'amplesso strettissimo e castissimo dello sposo e della sposa, l'impeto del fiume dei divini favori allieterà la città di Dio. Questo fiume io credo che non sia altro che il Figlio di Dio, che passa in mezzo ai suoi amici e li serve, come egli stesso ha promesso, affinché da esso «i giusti si nutrano ed esultino al cospetto di Dio, e gioiscano nell'allegrezza» (Sal 67, 4).
Di qui deriva quella sazietà senza stanchezza; di qui l'insaziabile bramosia di sapere senza inquietudine; di qui quell'eterno desiderio senza fine, che non ha per origine il bisogno; di qui, infine, quella sobria ebbrezza, che non è causata da vino, non è ubriachezza di vino, ma è ardente di Dio. Da questo momento l'anima entra ormai in possesso per sempre del quarto grado dell'amore. In esso si ama in modo sommo e solamente Dio, poiché non saremo più capaci di amare noi stessi se non per lui, in modo tale che sia egli stesso il premio di coloro che lo amano, premio eterno per coloro che lo amano in eterno.

INNO Laus angelorum magna (laudabiliter)
Gloria a Dio nell’alto dei cieli, *
e pace in terra agli uomini di buona volontà.

Noi ti lodiamo, ti eleviamo un inno, *
ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo.

Ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa, *
Signore Dio, Re del cielo.

Dio Padre onnipotente, *
Gesù Cristo e Spirito santo.

Signore Dio, *
Figlio del Padre.

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, *
accogli la nostra supplica.

Tu che siedi alla destra del Padre, *
abbi pietà di noi.

Sii tu la nostra guida e il nostro aiuto; *
salvaci, rendici puri, conservaci nella tua pace.

Liberaci dai nemici *
e dalle tentazioni.

Perché tu solo il santo, *
tu solo il Signore, tu solo l’Altissimo,

Gesù Cristo, *
nella gloria di Dio Padre con lo Spirito santo.

Ogni giorno ti benediciamo, *
e lodiamo il tuo nome per sempre.

Dégnati oggi, Signore, *
di custodirci senza peccato.

Benedetto sei tu, Signore; *
mostrami il tuo volere.

Vedi la mia miseria e la mia pena *
e perdona tutti i miei peccati.

Dalle mie labbra fiorisca la lode, *
la lode al nostro Dio.

Possa io vivere per lodarti: *
mi aiutino i tuoi giudizi.

Come pecora smarrita vado errando; *
cerca il tuo servo
perché non ho dimenticato i tuoi comandamenti.

Presto ci venga incontro la tua misericordia, †
perché siamo troppo infelici: *
aiutaci, Dio, nostra salvezza.

Benedetto sei tu, Signore, Dio dei nostri padri, *
degno di lode e di gloria nei secoli. Amen.

ORAZIONE
Fino al tuo trono salga, o Dio clemente,
la voce di chi ti supplica,
e instancabilmente discenda la tua pietà senza fine.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Quando l’Ufficio delle letture si recita nelle ore notturne o nelle prime del mattino, invece dell’orazione riportata si può sempre dire l’orazione seguente:

Allontana, o Dio, ogni tenebra
dal cuore dei tuoi servi
e dona alle nostre menti la tua luce.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo,
per tutti i secoli dei secoli.

CONCLUSIONE
Benediciamo il Signore.
Rendiamo grazie a Dio.