Ufficio delle letture - Ambrosiano

Sabato della  II  settimana di Quaresima

O Dio, vieni a salvarmi.
Signore, vieni presto in mio aiuto.


Gloria.
Lode a te, Signore, re di eterna gloria.

INNO

     Quando l’Ufficio delle letture si dice nelle ore notturne o nelle prime ore del mattino:

Il gallo annunzia il giorno,
chiama la nuova luce:
il Signore dei cuori
in questo canto ci dèsta alla vita,

e dice: «Su! Scuotete ogni torpore,
ogni pigrizia fugga,
in opere vegliate di giustizia:
vicino è il mio ritorno».

Quando l’alba rosseggia ad oriente,
intenti alla fatica
trovi i tuoi servi e ravvivi
la luminosa speranza.

O Figlio, nato prima d’ogni aurora,
col tuo vitale chiarore disperdi
l’ottenebrante sonno dello spirito;
la tua pietà ci sciolga da ogni male.

O Re d’amore, gloria
a te cantiamo e al Padre,
nell’unità del Paraclito
per la distesa dei secoli. Amen.

II       Quando l’Ufficio delle letture si dice nelle ore del giorno:

Dio cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro (Gn 2, 2).

O misteriosa fonte dell’essere
che le bellezze del mondo hai creato
e hai dato fine all’opera
nella quiete del settimo giorno,

a te i solerti figli
pur nel riposo anelino
e nella vita innocente contemplino
la serena letizia del tuo volto.

O, se ingrati peccammo,
amaro pianto lavi il nostro errore,
sì che non ci impaùri, o Dio pietoso,
l’ora del tuo giudizio.

Accogli, Padre, la nostra preghiera
per Gesù Cristo che regna
con te e con lo Spirito santo
negli infiniti secoli. Amen.

CANTICO DEI TRE GIOVANI
Cfr. Dn 3, 52-56
Ogni creatura lodi il Signore
Il Creatore… è benedetto nei secoli (Rm 1, 25).

Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto il tuo nome glorioso e santo, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu nel tuo tempio santo glorioso, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu sul trono del tuo regno, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo gli abissi †
e siedi sui cherubini, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu nel firmamento del cielo, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Gloria.

SALMODIA
Cantico Es 15, 1-4a. 8-13. 17-18
Inno di vittoria per il passaggio del Mare Rosso
Coloro che avevano vinto la bestia cantavano il cantico di Mosè, servo di Dio (Ap 15, 2-3).

Ant. Cantiamo in onore del Signore, *
che è divenuto la nostra salvezza.


Voglio cantare in onore del Signore; †
perché ha mirabilmente trionfato, *
ha gettato in mare cavallo e cavaliere.

Mia forza e mio canto è il Signore, *
egli mi ha salvato.

È il mio Dio e lo voglio lodare, *
è il Dio di mio padre e lo voglio esaltare!

Dio è prode in guerra, *
si chiama Signore.

I carri del faraone e il suo esercito *
li ha gettati in mare.

Al soffio della tua ira si accumularono le acque, †
si alzarono le onde come un argine, *
si rappresero gli abissi in fondo al mare.

Il nemico aveva detto: «Inseguirò, raggiungerò, †
spartirò il bottino, se ne sazierà la mia brama, *
sfodererò la spada, li conquisterà la mia mano!».

Soffiasti con il tuo alito: li coprì il mare, *
sprofondarono come piombo in acque profonde.

Chi è come te fra gli dèi, *
chi è come te, maestoso in santità, Signore?

Chi è come te, tremendo nelle imprese, *
operatore di prodigi?

Stendesti la destra: *
li inghiottì la terra.

Guidasti con il tuo favore questo popolo che hai riscattato, *
lo conducesti con forza alla tua santa dimora.

Lo fai entrare *
e lo pianti sul monte della tua promessa,

luogo che per tua sede, Signore, hai preparato, *
santuario che le tue mani, Signore, hanno fondato.

Il Signore regna *
in eterno e per sempre!

Gloria.

Ant. Cantiamo in onore del Signore, *
che è divenuto la nostra salvezza.


Salmo 105
Bontà del Signore e infedeltà del popolo
Tutte queste cose però accaddero a loro come esempio, e sono state scritte per ammonimento nostro, di noi per i quali è arrivata la fine dei tempi (1 Cor 10, 11).

Ant. Visitaci, o Signore, con la tua salvezza.

I (1-27)

Celebrate il Signore, perché è buono, *
eterna è la sua misericordia.

Chi può narrare i prodigi del Signore, *
far risuonare tutta la sua lode?

Beati coloro che agiscono con giustizia *
e praticano il diritto in ogni tempo.

Ricòrdati di noi, Signore, per amore del tuo popolo, *
visitaci con la tua salvezza,

perché vediamo la felicità dei tuoi eletti, †
godiamo della gioia del tuo popolo, *
con la tua eredità ci gloriamo.

Abbiamo peccato come i nostri padri, *
abbiamo fatto il male, siamo stati empi.

I nostri padri in Egitto non compresero i tuoi prodigi, †
non ricordarono tanti tuoi benefici *
e si ribellarono presso il mare, presso il Mar Rosso.

Ma Dio li salvò per il suo nome, *
per manifestare la sua potenza.

Minacciò il Mar Rosso e fu disseccato, *
li condusse tra i flutti come per un deserto;

li salvò dalla mano di chi li odiava, *
li riscattò dalla mano del nemico.

L’acqua sommerse i loro avversari, *
nessuno di essi sopravvisse.

Allora credettero alle sue parole *
e cantarono la sua lode.

Ma presto dimenticarono le sue opere, *
non ebbero fiducia nel suo disegno,

arsero di brame nel deserto, *
e tentarono Dio nella steppa.

Concesse loro quanto domandavano *
e saziò la loro ingordigia.

Divennero gelosi di Mosè negli accampamenti, *
e di Aronne, il consacrato del Signore.

Allora si aprì la terra e inghiottì Datan, *
e seppellì l’assemblea di Abiron.

Divampò il fuoco nella loro fazione *
e la fiamma divorò i ribelli.

Si fabbricarono un vitello sull’Oreb, *
si prostrarono a un’immagine di metallo fuso;

scambiarono la loro gloria *
con la figura di un toro che mangia fieno.

Dimenticarono Dio che li aveva salvati, *
che aveva operato in Egitto cose grandi,

prodigi nel paese di Cam, *
cose terribili presso il Mar Rosso.

E aveva già deciso di sterminarli, †
se Mosè suo eletto non fosse stato sulla breccia di fronte a lui, *
per stornare la sua collera dallo sterminio.

Rifiutarono un paese di delizie, *
non credettero alla sua parola.

Mormorarono nelle loro tende, *
non ascoltarono la voce del Signore.

Egli alzò la mano su di loro *
giurando di abbatterli nel deserto,

di disperdere i loro discendenti tra le genti *
e disseminarli per il paese.

Gloria.

Ant. Visitaci, o Signore, con la tua salvezza.

II (24-48)

Ant. Salvaci, Signore Dio nostro, *
e raccoglici di mezzo ai popoli.


Provocarono Dio con tali azioni *
e tra essi scoppiò una pestilenza.

Ma Finees si alzò e si fece giudice, *
allora cessò la peste

e gli fu computato a giustizia *
presso ogni generazione, sempre.

Lo irritarono anche alle acque di Meriba *
e Mosè fu punito per causa loro,

perché avevano inasprito l’animo suo *
ed egli disse parole insipienti.

Non sterminarono i popoli *
come aveva ordinato il Signore,

ma si mescolarono con le nazioni *
e impararono le opere loro.

Servirono i loro idoli *
e questi furono per loro un tranello.

Immolarono i loro figli *
e le loro figlie agli dèi falsi.

Versarono sangue innocente, †
il sangue dei figli e delle figlie *
sacrificati agli idoli di Canaan;

la terra fu profanata dal sangue, †
si contaminarono con le opere loro, *
si macchiarono con i loro misfatti.

L’ira del Signore si accese contro il suo popolo, *
ebbe in orrore il suo possesso;

e li diede in balía dei popoli, *
li dominarono i loro avversari,

li oppressero i loro nemici *
e dovettero piegarsi sotto la loro mano.

Molte volte li aveva liberati; †
ma essi si ostinarono nei loro disegni *
e per le loro iniquità furono abbattuti.

Pure, egli guardò alla loro angoscia *
quando udì il loro grido.

Si ricordò della sua alleanza con loro, *
si mosse a pietà per il suo grande amore.

Fece loro trovare grazia *
presso quanti li avevano deportati.

Salvaci, Signore Dio nostro, *
e raccoglici di mezzo ai popoli,

perché proclamiamo il tuo santo nome *
e ci gloriamo della tua lode.

Benedetto il Signore, Dio d’Israele †
da sempre e per sempre. *
Tutto il popolo dica: Amen.

Gloria.

Ant. Salvaci, Signore Dio nostro, *
e raccoglici di mezzo ai popoli.
Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.


Tu sei benedetto, Signore.
Amen.

Benedicimi, Padre.
Per Cristo, che è via e verità, la divina Maestà ci benedica.
Amen.

PRIMA LETTURA
Dal libro del Deuteronomio
Dt 32, 45-52; 34, 1-12

La morte di Mosè

Quando Mosè ebbe finito di pronunziare tutte queste parole davanti a tutto Israele, disse loro: «Ponete nella vostra mente tutte le parole che io oggi uso come testimonianza contro di voi. Le prescriverete ai vostri figli, perché cerchino di eseguire tutte le parole di questa legge. Essa infatti non è una parola senza valore per voi; anzi è la vostra vita; per questa parola passerete lunghi giorni sulla terra di cui state per prendere possesso, passando il Giordano».
In quello stesso giorno il Signore disse a Mosé: «Sali su questo monte degli Abarim, sul monte Nebo, che è nel paese di Moab, di fronte a Gèrico, e mira il paese di Canaan, che io do in possesso agli Israeliti. Tu morirai sul monte sul quale stai per salire e sarai riunito ai tuoi antenati, come Aronne tuo fratello è morto sul monte Or ed è stato riunito ai suoi antenati, perché siete stati infedeli verso di me in mezzo agli Israeliti alle acque di Merìba di Kades nel deserto di Zin, perché non avete manifestato la mia santità. Tu vedrai il paese davanti a te, ma là, nel paese che io sto per dare agli Israeliti, tu non entrerai!».
Mosè salì dalle steppe di Moab sul monte Nebo, cima del Pisga, che è di fronte a Gèrico. Il Signore gli mostrò tutto il paese: Gàlaad fino a Dan, tutto Nèftali, il paese di Èfraim e di Manàsse, tutto il paese di Giuda fino al Mar Mediterraneo e il Negheb, il distretto della valle di Gèrico, città delle palme, fino a Zoar. Il Signore gli disse: «Questo è il paese per il quale io ho giurato ad Abramo, a Isacco e a Giacobbe: Io lo darò alla tua discendenza. Te l’ho fatto vedere con i tuoi occhi, ma tu non vi entrerai!».
Mosè, servo del Signore, morì in quel luogo, nel paese di Moab, secondo l’ordine del Signore. Fu sepolto nella valle, nel paese di Moab, di fronte a Bet-Peor; nessuno fino ad oggi ha saputo dove sia la sua tomba. Mosè aveva centoventi anni quando morì; gli occhi non gli si erano spenti e il vigore non gli era venuto meno. Gli Israeliti lo piansero nelle steppe di Moab per trenta giorni; quindi furono compiuti i giorni di pianto per il lutto di Mosè.
Giosuè, figlio di Nun, era pieno di spirito di saggezza, perché Mosè aveva imposto le mani su di lui; gli Israeliti gli obbedirono e fecero quello che il Signore aveva comandato a Mosè.
Non è più sorto in Israele un profeta come Mosè – lui con il quale il Signore parlava faccia a faccia – per tutti i segni e prodigi che il Signore lo aveva mandato a compiere nel paese di Egitto, contro il faraone, contro i suoi ministri e contro tutto il suo paese, e per la mano potente e il terrore grande messo in opera da Mosè davanti agli occhi di tutto Israele.

RESPONSORIO
Tutta la terra è devastata, o Dio,
dalla tua ira ardente.
Abbi pietà di noi
e allontana la distruzione.

I miei giorni sono come ombra che declina,
e io come erba inaridisco.
Abbi pietà di noi
e allontana la distruzione.

Benedicimi, Padre.
La grazia dello Spirito santo illumini i nostri sensi e il nostro cuore.
Amen.

SECONDA LETTURA
Dal «Trattato sulla penitenza» di sant’Ambrogio, vescovo

L. II, 3, 13-19

Il figlio prodigo, figura del cristiano penitente

Il Signore Gesù ha paragonato il peccatore che fa penitenza a uno che, «andato in un paese straniero» (Lc 15, 13), dissipò con una vita dissoluta tutti i beni ricevuti dal padre e poi, mangiando ghiande, rimpianse il pane di suo padre e meritò la veste, l’anello, i sandali, perfino l’uccisione di un vitello, che è l’immagine della passione del Signore, per mezzo della quale ci è stato dato il sacramento celeste.
Giustamente si dice che «andò in un paese straniero», perché si era allontanato dai santi altari; ciò significa allontanarsi da quella Gerusalemme che sta in cielo ed è, in un certo senso, la città e la famiglia dove risiedono i santi. Perciò anche l’Apostolo dice: «Dunque ormai non siete più stranieri e ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio» (Ef 2, 19).
«E dissipò», dice, «la sua sostanza» (Lc 15, 13). E giustamente disse la «dissipò» di colui la cui fede zoppicava nelle opere. «La fede» è infatti «sostanza di ciò che si spera e prova di ciò che non si vede» (Eb 11, 1). Ed è una buona «sostanza» la fede, in cui consiste il patrimonio della nostra speranza.
E non c’è da meravigliarsi se moriva di fame, visto che mancava dell’alimento divino, spinto dal desiderio del quale: «Mi alzerò», dice, «e andrò da mio padre e gli dirò: “Padre, ho peccato contro il cielo e di fronte a te”» (Lc 15, 18). Non rilevate che questo ci insegna chiaramente che siamo spinti a pregare per meritare il sacramento? E voi volete eliminare il motivo per cui si fa penitenza? Togli al pilota la speranza di arrivare alla meta, ed egli vagherà incerto in mezzo ai flutti. Togli al lottatore la corona, e questi giacerà inerte nello stadio. Togli al pescatore la capacità di catturare i pesci: egli cessa di gettare le reti. Come può dunque chi patisce la fame nella sua anima pregare Dio con vero impegno, se dispera di ottenere il sacro cibo?
«Ho peccato», dice, «contro il cielo e di fronte a te» (Lc 15, 21). Confessa senz’altro un peccato che porta alla morte, perché voi non possiate pensare di escludere a buon diritto uno che fa penitenza di un peccato per grave che sia, quando merita un così pronto perdono colui che ha peccato «contro il cielo» o il regno celeste o la sua anima – peccato che porta alla morte – e ha peccato di fronte a Dio a cui solo si dice: «Contro te solo ho peccato e ho commesso il male di fronte a te» (Sal 50, 6). Il padre gli corre incontro al suo arrivo, mentre è «ancora lontano», e gli dà il «bacio», segno della pace santa, fa portare l’abito, cioè la veste nuziale senza la quale si è esclusi dal banchetto, gli pone in dito «l’anello», che è il pegno della fede e il sigillo dello Spirito Santo, fa portare «i calzari» – chi infatti si accinge a celebrare la Pasqua del Signore e a mangiare l’agnello, deve avere il piede protetto contro tutti gli assalti delle fiere spirituali e i morsi di serpente –, fa uccidere «un vitello», perché «Cristo nostra Pasqua si è immolato» (1 Cor 5, 7). Infatti ogni volta che beviamo il sangue del Signore, annunziamo la morte del Signore.
Come dunque si è immolato una sola volta per tutti, così, ogni volta che vengono perdonati i peccati, riceviamo il sacramento del suo corpo, perché, per mezzo del suo sangue i peccati siano rimessi.
Dunque dall’insegnamento del Signore è stato prescritto in modo chiarissimo che anche ai colpevoli dei delitti più gravi si debba restituire la grazia del sacramento celeste, purché con tutto il cuore e con un’aperta confessione facciano penitenza del loro peccato.

ORAZIONE
La tua misericordia, o Dio,
raggiunga i servi che hanno peccato;
dona ai nostri cuori una conversione sincera
e fa’ che torniamo a gustare
la gioia della tua grazia.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Quando l’Ufficio delle letture si recita nelle ore notturne o nelle prime del mattino,
invece dell’orazione riportata si può sempre dire l’orazione seguente:


Allontana, o Dio, ogni tenebra
dal cuore dei tuoi servi
e dona alle nostre menti la tua luce.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito santo,
per tutti i secoli dei secoli.

CONCLUSIONE
Benediciamo il Signore.
Rendiamo grazie a Dio.