Libri - Consigli per la lettura

Libri - Consigli per la lettura

Mons. Andrè Leonard

DIO E' MORTO?

Ed. Cantagalli, 2018

di Luca Del Pozzo, giornalista

C’è un vescovo, Mons. Andrè Leonard, dal 2010 al 2015 titolare della diocesi di Malines-Bruxelles. E c’è un giornalista, Drieu Godefridi, che non appartiene alla Chiesa e che anzi è dichiaratamente agnostico. I due si sono incontrati, hanno discusso a lungo, il primo incalzato dalle domande del secondo, a sua volta stimolato dalle argomentazioni serrate e per certi aspetti provocatorie del primo. Ne è scaturito un libro-intervista che è un balsamo per chiunque in questa calda e chiassosa estate voglia leggere qualcosa di autentico, di vero, di bello.

Con un’avvertenza: il libro in questione non è roba per palati politicamente corretti, che anzi molte delle cose che M.or Leonard dice con straordinaria franchezza e libertà (entrambe pagate a caro prezzo) suonano decisamente controcorrente tanto rispetto alla vulgata imperante di stampo laicista quanto in rapporto a certi discorsi ecclesiali sedicenti cattolici. A partire dal titolo, “Dio è morto?, che è tutto un programma. Un titolo che si spiega a motivo del fatto che la società con cui oggi la Chiesa è chiamata ad interloquire (e, possibilmente, ad evangelizzare) ha un tratto radicalmente, profondamente diverso e nuovo rispetto alle epoche passate. E questo perchè per la prima volta nella storia si inizia a parlare di “trans-umanesimo”, cioè di un qualcosa che va oltre l’umanesimo come l’abbiamo conosciuto......

(continua)

Per leggere di più clicca qui

* + *

Northrop Frye

IL GRANDE CODICE

ed. Vita e Pensiero, 2018

brano tratto dall'Introduzione al libro

Questo libro non è un’opera di critica biblica e ancor meno di teologia: è solo espressione del mio personale incontro con la Bibbia, senza la pretesa di un’autorità derivante dal consenso scientifico degli specialisti. Non ho una risposta sui motivi dell’esistenza di quest’opera, posso però spiegarne la genesi.

Cominciai a interessarmi all’argomento sin dai primi giorni della mia esperienza di insegnante, quando mi ritrovai a tenere lezioni su Milton e a scrivere su Blake, due autori eminentemente biblici persino per gli standard della letteratura inglese. Ben presto mi resi conto che un qualsiasi studente di letteratura inglese che non conosca la Bibbia a fatica riesce a comprendere ciò che legge: anche lo studente più ferrato spesso cade nell’interpretare i riferimenti e persino il significato del testo. Così tenni un corso sulla Bibbia come guida allo studio della letteratura inglese, pensando che fosse il modo migliore per saperne di più sull’argomento, soprattutto da parte mia. Il mio scopo principale era semplicemente quello di fornire agli studenti informazioni sufficienti sulla Bibbia affinché potessero comprendere l’entità dell’influsso che essa aveva esercitato. Il risultato sarebbe stato essenzialmente un corso di ‘note a piè di pagina’ che illustrasse i riferimenti e la struttura del testo. Il verso di Blake «O earth, o earth return» [«O terra, o terra ritorna»], per esempio, benché formato solo da cinque parole, di cui solo tre differenti, contiene almeno sette riferimenti diretti alla Bibbia.....

(continua)

Per leggere di più clicca qui

* + *

Philippe Bordeyne

PORTARE LA LEGGE A COMPIMENTO: Amoris Laetitia sulle situazioni matrimoniali fragili

Ed. Libreria Editrice Vaticana, 2018

Entusiasmo, adesioni ma anche perplessità e incomprensioni. Così è stata accolta l’esortazione apostolica Amoris Laetitia, ma a fare chiarezza arriva un agile volume del rettore dell’Institut Catholique di Parigi

Pur ponendosi in continuità con l’insegnamento teologico e spirituale della Chiesa, non da ultimo l’esortazione apostolica Familiaris Consortio di San Giovanni Paolo II, l’Amoris Laetitia di Papa Francesco ha aperto prospettive nuove nell’approccio alla realtà del matrimonio. Tuttavia, come ogni novità, ha suscitato entusiasmi, adesioni, ma anche perplessità, resistenze e incomprensioni. A fare chiarezza sui punti più controversi è Philippe Bordeyne, sacerdote e teologo moralista francese, rettore dell’Institut Catholique di Parigi e autore di “Portare la legge a compimento. Amoris laetitia sulle situazioni matrimoniali fragili”. Edito dalla Libreria Editrice Vaticana – Dicastero per la comunicazione, il volume contiene la traduzione in lingua italiana del testo francese “Divorcés remariés: ce qui change avec François”.

Due le parti del libro. La prima affronta il contenuto di Amoris laetitia; la seconda affronta più specificamente il tema del discernimento per l’integrazione delle coppie in situazioni complesse e mostra i punti di contatto con Evangelii gaudium, documento programmatico del magistero di Francesco.....

(continua)

Per leggere di più clicca qui

* + *

Stephen Hawking, 

LE MIE RISPOSTE ALLE GRANDI DOMANDE 

Ed. Rizzoli-Mondadori, 2018

Introd. di Giuseppe Tanzella-Nitti , (filosofo della scienza)


Le grandi domande di Hawking: uno stupore ancora in cerca di risposte

Con un’operazione editoriale paragonabile solo a quella con cui Giovanni Paolo II diffuse per la prima volta i libri di un Pontefice regnante, in questi giorni è uscito simultaneamente in tutto il mondo, tradotto in diverse lingue, il volume di Stephen Hawking, Le mie risposte alle grandi domande (Rizzoli-Mondadori, Milano 2018). Lo scienziato, deceduto lo scorso 14 marzo, offre in questo testo la sua visione del mondo su temi particolarmente importanti come il rapporto fra scienza e progresso umano, il futuro dell’uomo e della vita sulla terra, l’esistenza di Dio. Anche se non siamo nuovi a questo tipo di riflessioni dello scienziato inglese, presenti nei suoi maggiori libri di divulgazione scientifica sotto forma di considerazioni fugaci ma significative, il volume ha destato e desta comprensibile interesse. E ciò per vari motivi. Le riflessioni filosofiche di Hawking, erano state finora piuttosto frammentarie – poco più che aforismi – spesso mediate e sviluppate da colleghi e amici che avevano presentato le sue opere al grande pubblico. Emblematica, al riguardo, la lettura che Carl Sagan offrì del pensiero di Hawking nell’Introduzione che firmò alla nota opera Dal big bang ai buchi neri....

(continua)

Per leggere di più clicca qui

 

VUOI TORNARE ALLA TEMATICA GENERALE?