Stark, LA VITTORIA DELL'OCCIDENTE

Stark, LA VITTORIA DELL'OCCIDENTE

Rodney Stark

LA VITTORIA DELL'OCCIDENTE

Ed. Lindau, 2017

L’Occidente non è più di moda, non sono più di moda i suoi valori e il ruolo che ha svolto nella creazione della nostra civiltà è sistematicamente contestato. Il politically correct lo ha definitivamente ostracizzato, tanto che i corsi sulla civiltà occidentale sono stati eliminati dalla maggior parte delle università americane. La motivazione è che si tratterebbe di corsi «intrinsecamente di destra», come di recente ha sentenziato il corpo docente dell’University of Texas. Quanto a Yale, è arrivata al punto di restituire un finanziamento di 20 milioni di dollari piuttosto che reintrodurre tale materia d’insegnamento. 

In aperta polemica con questa posizione, Rodney Stark offre un’attenta e precisa analisi dell’Occidente e dei suoi valori iniziando dal mondo antico.

Seguendo una rigorosa articolazione (epoca classica, alto Medioevo, basso Medioevo, alba della modernità, epoca moderna), Stark confuta non solo i luoghi comuni, ma anche le teorie enunciate da storici più o meno illustri a partire dal cosiddetto Illuminismo, e ormai così radicate nel sentire comune da essere considerate verità inconfutabili: dal ruolo oscurantista della Chiesa in campo scientifico (Galileo docet, anche se in realtà le cose non stanno proprio come si è voluto far credere), alle innovazioni e scoperte erroneamente attribuite alla cultura islamica (della quale si loda la «tolleranza» nei confronti di ebrei e cristiani, in realtà mai esistita), al carattere esclusivamente oppressivo e repressivo del colonialismo (di cui si dimentica la funzione civilizzatrice). 
Per non parlare della tecnologia, oggi molto spesso demonizzata, anche se è impossibile negarne l’importanza per la nascita e lo sviluppo del mondo moderno.

 

VUOI TORNARE ALLA TEMATICA GENERALE?