La Chiesa - Sinagoga

La Chiesa - Sinagoga

Nel suq di Nazareth, a pochi passi dalla Basilica dell'Annunciazione si trova la chiesa- sinagoga, in arabo Madrasat el-Masih (scuola del Messia).

Chiesa - Sinagoga 01.png

Qui, secondo la tradizione, Gesù studiò da bambino e, durante la sua predicazione, lesse il rotolo di Isaia, suscitando lo sdegno e l'incredulità dei suoi concittadini:
«Venne a Nazareth, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere.
Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:

Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione
e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi,
a proclamare l’anno di grazia del Signore.
Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette.
Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui.
Allora cominciò a dire loro: “Oggi si è compita questa Scrittura che voi avete ascoltato”».
Lc 4, 16-21.

Chiesa - Sinagoga 02.png

Il primo a descrivere questo luogo è l'Anonimo pellegrino di Piacenza (VI secolo), il quale afferma di aver visto anche i rotoli sacri originali sui quali Gesù avrebbe scritto l’alfabeto e il banco presso il quale il figlio di Maria e Giuseppe sedeva.

I testimoni di età crociata (XII secolo), riferiscono che la sinagoga era stata trasformata in chiesa.

L’edificio fu acquistato dai francescani nel 1741 e dopo qualche anno passò sotto la custodia dei greco-ortodossi che lo trasformò in chiesa.

Nel 1882 fu costruita l’adiacente chiesa parrocchiale greco-ortodossa e l’ambiente sinagogale fu riservato solo alle visite.

Chiesa - Sinagoga 03.png

La chiesa – sinagoga oggi si presenta come un unico ambiente di epoca medievale con pietre a vista e volta a botte, cui si accede tramite una scala costituita da sette gradini.

Al suo interno, ad accogliere i pellegrini, un altare e un grande quadro raffigurante Gesù predicatore.

La scoperta della necropoli di Nazareth, usata ancora nel I secolo d.C., fa fortemente dubitare gli studiosi in merito alla reale posizione della sinagoga ai tempi di Gesù.
Secondo la rigida tradizione giudaica, infatti, i sepolcri dovevano essere all’esterno del centro abitato.
La sinagoga, oltretutto, doveva sorgere lontana da essi poiché le necropoli erano considerate luoghi di contaminazione.

 

VUOI APPROFONDIRE QUESTA SEZIONE?

VUOI TORNARE ALLA TEMATICA GENERALE?